Peciliidi o pesci ovovivipari (Famiglia Poeciliidae)

--Peciliidi o pesci ovovivipari (Famiglia Poeciliidae)
Peciliidi o pesci ovovivipari (Famiglia Poeciliidae) 2017-11-24T19:36:22+00:00

Gambusia affinis

Nome comune: gambusia
Famiglia: Poeciliidae
Dimensioni: maschio 3-4 cm, femmina 5-7 cm

Gambusia_affinis

È un pesce abbastanza resistente e adattabile in acque pulite e con un buon sistema di filtraggio. Ha bisogno di una dieta variata, che comprenda anche prede, in quanto non sopravvive con una sola dieta a base di mangime. Per il suo comportamento vivace e aggressivo non è adatto a convivere con pesci timidi e pacifici. Lo stesso comportamento si manifesta con i suoi simili, ma il problema è facilmente gestibile in un acquario con una vegetazione abbondante che permetta ai pesci di trovare riparo.
La gambusia è stata introdotta in specchi d’acqua di molte parti del mondo per la lotta alle zanzare ed è inserita nella lista delle 100 specie aliene più dannose.
Il maschio e la femmina hanno un aspetto alquanto diverso, non solo per la taglia più ridotta nel maschio, ma anche per il profilo più rotondeggiante della femmina. Il maschio possiede una pinna anale modificata, appuntita, detta gonopodio, che serve a veicolare lo sperma nel corpo della femmina. La gambusia, come la maggior parte delle specie di peciliidi, è un pesce a fecondazione interna ed è ovovivipara (partorisce piccoli vivi). La riproduzione in cattività non è facile. Per indurre l’accoppiamento la femmina deve essere messa insieme a diversi maschi in una vasca a 20-24°C con piante galleggianti che offrano riparo agli avannotti. La gestazione dura 24-30 giorni, dopo di che la femmina partorisce circa 30 piccoli.

Condizioni di allevamento
Acqua: neutra, leggermente dura.
Temperatura: 20-28°C.
Cibo: invertebrati acquatici come dafnie, larve di zanzara e chironomidi, vivi o congelati, di piccole dimensioni. Mangime in fiocchi.
Numero minimo per acquario: una coppia.
Dimensioni minime della vasca: 45 cm.
Livello di nuoto: centrale e superficiale.

Heterandria formosa

Nome comune: pesce zanzara
Famiglia: Poeciliidae
Dimensioni: maschio 2 cm, femmina 4,5 cm

Heterandria_formosa

È uno dei più piccoli pesci da acquario, in particolare il maschio che misura appena 2 cm. Negli acquari di comunità le specie conviventi devono essere scelte con cura per evitare che divorino i piccoli pesci zanzara.
Il pesce zanzara si adatta a consumare mangime, ma ama particolarmente le prede, vive o congelate, di dimensioni abbastanza piccole da entrare in bocca. Questi alimenti aiutano anche a rendere al meglio l’aspetto della livrea.
I sessi si differenziano oltre che per l’evidente differenza di taglia anche per la presenza nel maschio del gonopodio, una modificazione della pinna anale che permette di veicolare lo sperma direttamente nell’apparato genitale della femmina. Il pesce zanzara oltre ad essere una specie a fecondazione interna è anche ovoviviparo: la femmina partorisce due settimane dopo accoppiamento. La riproduzione è relativamente facile, ma deve avvenire in una vasca destinata ai soli pesci zanzara, ricca di vegetazione in cui i piccoli possano nascondersi, altrimenti verrebbero rapidamente divorati dagli altri pesci.

Condizioni di allevamento
Acqua: da leggermente acida a leggermente alcalina, da leggermente tenera a leggermente dura.
Temperatura: 20-26°C.
Cibo: invertebrati acquatici come dafnie, larve di zanzara e chironomidi, vivi o congelati, di piccole dimensioni. Mangime in fiocchi. Vegetali.
Numero minimo per acquario: una coppia.
Dimensioni minime della vasca: 45 cm.
Livello di nuoto: centrale e superficiale.

Poecilia latipinna

Nome comune: molly nero
Famiglia: Poeciliidae
Dimensioni: maschio 8 cm, femmina 9-10 cm

en.wikipedia.org

en.wikipedia.org

È un pesce che si trova comunemente in commercio, ma che non particolarmente facile da gestire. L’acquario deve essere sufficientemente spazioso, con una leggera corrente d’acqua. La temperatura deve essere sui 25-28°C e l’acqua di ottima qualità; l’acquario deve essere avviato da almeno sei mesi prima di introdurre questi pesci, per assicurare che le condizioni siano stabili.
Rispetto al colore originale, verde-azzurro chiaro con punteggiature bianche e nere, sono state selezionate diverse varietà di colore: nero, bianco, rosso, giallo, screziato, nonché varietà con le pinne a velo e a lira.
Il maschio si riconosce per la lunga pinna dorsale, che esibisce nel corteggiamento, e per la presenza della pinna anale modificata nel gonopodio, una struttura che permette di introdurre lo sperma nel corpo della femmina. La maturità sessuale viene raggiunta a circa nove mesi. La femmina può produrre un centinaio di avannotti al mese. È una specie ovovivipara e i piccoli alla nascita sono lunghi già 7 mm; vanno alimentati con cibo vivo di piccole dimensioni e alghe.

Condizioni di allevamento
Acqua: neutra, dura.
Temperatura: 25-28°C.
Cibo: invertebrati acquatici come dafnie, larve di zanzara e chironomidi, vivi o congelati, di piccple dimensioni. Mangime in fiocchi. Vegetali in abbondanza.
Numero minimo per acquario: una coppia.
Dimensioni minime della vasca: 90 cm.
Livello di nuoto: centrale e superficiale.

Poecilia reticulata

Nome comune: guppy
Famiglia: Poeciliidae
Dimensioni: 6 cm

Poecilia_reticulata4Poecilia_reticulata1  Poecilia_reticulata2 Poecilia_reticulata3

Il guppy è uno dei pesci d’acquario più comune. Viene facilmente riprodotto ed è ampiamente disponibile in commercio. Sono state selezionate una varietà notevole di colorazioni e di forma delle pinne. Le forme commerciali richiedono una temperatura maggiore di quella selvatica. Anche se la femmina è molto meno appariscente del maschio, conviene tenere esemplari di entrambi i sessi affinché il maschio si esibisca di fronte alla femmina mostrandosi in tutta la sua bellezza. Nella convivenza con altre specie si devono evitare pesci aggressivi o che tendono a molestare le pinne, come i pesci angelo e i barbi tigre (o tetrazona).
Il dimorfismo sessuale è accentuato: il maschio ha una pinna caudale molto ampia e una colorazione vivace. Presenta la pinna anale modificata nel gonopodio, che serve a fecondare internamente la femmina. È una specie ovovivipara e piuttosto prolifica. La maturità sessuale viene raggiunta a tre mesi di età. La femmina può partorire 20-40 piccoli per volta, che vanno nutriti con prede vive o congelate di piccolissime dimensioni e mangime in fiocchi sbriciolato. Per evitare che gli avannotti vengano divorati dai pesci più grandi nella vasca devono essere presenti piante galleggianti.

Condizioni di allevamento
Acqua: neutra, dura.
Temperatura: 18-28°C.
Cibo: invertebrati acquatici come dafnie, larve di zanzara e chironomidi, vivi o congelati, di piccole dimensioni. Mangime in fiocchi.
Numero minimo per acquario: una coppia.
Dimensioni minime della vasca: 45 cm.
Livello di nuoto: centrale e superficiale.

Xiphophorus helleri

Nome comune: portaspada o xifoforo
Famiglia: Poeciliidae
Dimensioni: maschio 10 cm, femmina 12 cm

Xiphophorus_helleri

È uno dei pesci maggiormente presenti nel mercato dei pesci da acquario; viene riprodotto in cattività con facilità e ne sono state selezionate numerose varietà di colore e di forma della pinna. La colorazione originale è verde oliva con una striscia laterale rossa o marrone; altre colorazioni che si possono vedere sono rosso, nero, verde, rosso con la coda nera e albino; esistono anche soggetti con la coda a lira. Il nome comune deriva dalla forma molto allungata del bordo inferiore della pinna caudale del maschio. La “spada” si forma solo quando il maschio è completamente maturo, perciò si deve evitare di acquistare esemplari piccoli che presentano già la spada, perché non saranno buoni riproduttori. Nei giovani il dimorfismo sessuale non è molto accentuato, ma si può osservare nel maschio la presenza del gonopodio (la pinna anale modificata in organo riproduttivo).
La presenza di un maschio adulto ben sviluppato inibisce la maturità dei giovani maschi presenti nello stesso acquario, mentre accelera la maturazione delle femmine giovani.
Si tratta di un pesce vivace ma pacifico, che può convivere con altre specie. Necessita di spazio libero per nuotare e una folta vegetazione per nascondersi.
Vive bene in gruppo, ma può adattarsi a vivere solo in coppia. È bene tenere esemplari con la stessa colorazione, per evitare di ottenere incroci con colori strani e imprevedibili. Si riproduce con una certa facilità; è un pesce ovoviviparo a fecondazione interna. La femmina gravida mostra una zona più scura vicino alla cloaca, che indica la presenza dei giovani pronti ad essere partoriti, che possono essere fino a 80. Per permettere agli avannotti di sopravvivere in un acquario di comunità è necessaria la presenza di molta vegetazione galleggiante e di piante a foglia sottile; vanno alimentanti con alghe e mangime in scaglie sbriciolato.

Condizioni di allevamento
Acqua: neutra, leggermente dura.
Temperatura: 21-28°C.
Cibo: invertebrati acquatici come dafnie, larve di zanzara e chironomidi, vivi o congelati, di piccole dimensioni. Mangime in fiocchi. Vegetali.
Numero minimo per acquario: una coppia.
Dimensioni minime della vasca: 90 cm.
Livello di nuoto: centrale e superficiale.

Xiphophorus maculatus

Nome comune: platy
Famiglia: Poeciliidae
Dimensioni: maschio 3 cm, femmina 6 cm

Xiphophorus_maculatus6Xiphophorus_maculatus1  Xiphophorus_maculatus2Xiphophorus_maculatus3  Xiphophorus_maculatus4 Xiphophorus_maculatus5

È un pesce dalla colorazione vivace, consigliabile ai neofiti per la sua adattabilità alla vita d’acquario; per la piccola taglia è un pesce adatto anche ad acquari di piccole dimensioni. Si tratta di un pesce pacifico sia con i cospecifici che con altre specie. Il maschio è più piccolo della femmina; i soggetti immaturi si riconoscono per la presenza del gonopodio (la pinna anale modificata) nel maschio.
Il platy può cercare di mangiare le piante; per evitare che le rovini, si deve offrirgli verdura, e sistemare nella vasca piante robuste.
Sono state selezionate numerose colorazioni e forme delle pinne:
Platy Marygold (testa rossa e coda bianca)
Platy Rubino (livrea rosso vivo)
Platy Wagtail (rosso-arancio con pinne nere)
Platy Corallo (rosso vivo e dimensioni ridotte)
Platy Tuxedo (fondo arancione con fianchi neri-verde metallico)
Platy Topolino (arancione con 3 cerchi blu sul peduncolo caudale)
Platy Blu (fondo bianco con chiazze e marezzature verde-blu metallico)
Platy Pezzato (fondo rosso-arancio con pezzature di vari colori)
Platy Velifera (con pinne a velo)
(fonte: Wikipedia)
Si riproduce facilmente (è una specie ovovivipara a fecondazione interna); raggiunge la maturità a quattro mesi di età. La femmina produce 20-40 piccoli per volta. Se è presente sufficiente vegetazione, i piccoli hanno buone probabilità di sfuggire agli adulti che cercano di mangiarli.

Condizioni di allevamento
Acqua: neutra, leggermente dura.
Temperatura: 21-25°C.
Cibo: invertebrati acquatici come dafnie, larve di zanzara e chironomidi, vivi o congelati, di piccole dimensioni. Mangime in fiocchi. Vegetali. Si nutre anche delle alghe che crescono sulle piante.
Numero minimo per acquario: una coppia.
Dimensioni minime della vasca: 45 cm.
Livello di nuoto: centrale e superficiale.