Presentazioni

--Presentazioni
Presentazioni 2018-02-03T21:04:22+00:00

di Margo DeMello

Alcuni possibili tipi di presentazioni:

  • Maschio e femmina: uno dei più facili, spesso si innamorano a prima vista, ma non sempre
  • Femmina e femmina: a volte è facile, spesso combattono
  • Maschio e maschio: a volte facile, a volte difficile, di solito combattono in un primo momento, ma niente affatto impossibile
  • Due cuccioli: estremamente facile
  • Tre o più conigli: la difficoltà varia a seconda di sessi, personalità e se due conigli sono già legati
  • Cucciolo e adulto: a volte difficile, ma va bene se l’adulto è molto tollerante
  • Portare a casa un coniglio da coniglio che c’è già. Molto più facile se porti una femmina a casa da un maschio che se porti un maschio a casa da una femmina.
  • Portare a casa due conigli allo stesso tempo. Abbastanza facile, anche se sono dello stesso sesso. Di solito il nuovo spazio è sufficiente per farli diventare amici da soli.

 

Possibili scenari dopo il primo incontro:

  • Amore a prima vista. Se ciò accade, puoi provare a metterli nello spazio in cui vivranno. Se va ancora bene, allora sono a posto, non hai nient’altro da fare. Tentativo di amicizia: se ciò accade, osservali quando sono insieme, tienili separati quando non ci sei, e se non si verificano combattimenti, alla fine diventeranno amici.
  • Comportamento amoroso: se il maschio (sterilizzato) monta la femmina, e la femmina non si preoccupa, questo è di solito un segno che la relazione andrà bene. Se non le va e scappa, non è ancora un problema. Se non le va e diventa aggressiva nei suoi confronti, allora devi prepararti a un periodo di introduzione più lungo.
  • Uno insegue, uno scappa. Se ciò si verifica, assicurati che quello che scappa non reagisca e non si faccia male. Se nessuna di queste cose accade, allora guarda e aspetta. Se uno si fa male, separali e procedi più piano e se uno combatte di nuovo, allora devi prepararti per un periodo di introduzione più lungo.
  • Quando due nuovi conigli (o, del resto, due conigli esistenti) combattono, allora devi prepararti per un periodo di introduzione completo.

 

Come fare: lavorare con lo spazio

I conigli sono estremamente territoriali. Nei conigli selvatici, il comportamento territoriale comprende il deposito di feci di marcatura ai confini del territorio, la marcatura con ilo mento, la minzione e il comportamento aggressivo come scavare, girare intorno e combattere. I maschi selvatici tendono a difendere territori più ampi mentre le femmine si concentrano sui loro nidi. Nei nostri compagni domestici sterilizzati, le cause ormonali possono essere assenti, ma il comportamento territoriale esiste ancora. Pertanto, quando si introducono nuovi conigli, il territorio deve essere considerato e utilizzato a tuo vantaggio.

Quello che stai cercando di fare è eliminare la possibilità di sviluppare comportamenti territoriali nei conigli. Quindi scegli spazi per l’introduzione che siano più diversi possibile dal territorio del tuo coniglio possibile. Stai anche provando a imitare sensazioni positive nei tuoi conigli. Creando situazioni artificiali in cui i coniglietti si accoccolano, si sfregano il naso, odorano il pelo dell’altro, ecc., si creano ricordi positivi, anche se sono pure stressanti. Io la chiamo “vicinanza forzata”. Sono positivi nel senso che non associano l’altro coniglio allo stress (per esempio del giro in macchina), associano all’altro coniglio alle sensazioni di sicurezza che ricevono. Se combattono, allora porteranno con sé quei brutti ricordi e ricorderanno che hanno combattuto insieme.

  • Introduci sempre i conigli, indipendentemente dal sesso o dall’età, prima nello spazio neutro. (Ovviamente, se stai portando a casa due coniglietti, allora qualsiasi spazio nella tua casa è spazio neutro.) Eventuali spazi neutri potrebbero essere: una stanza in cui il tuo coniglio non è mai stato, la casa o l’appartamento di un amico, il sedile di un auto, sopra il tavolo della cucina, il garage, la vasca da bagno, il giardino, ecc.
  • Cerca di portare con te il tuo coniglio attuale quando vai a prendere il tuo nuovo coniglio, in modo che possano condividere insieme quel primo viaggio in auto.
  • Lavora con i conigli per almeno 20 minuti al giorno. Assicurati di passare un po’ di tempo con i conigli in uno o più spazi neutri ogni giorno. Quando non stai lavorando attivamente con loro, dovrebbero essere separati se combattono insieme. Se non combattono, possono essere lasciati da soli se non stai lavorando con loro, ma non quando non sei a casa.
  • Ogni giorno, prova a utilizzare due situazioni diverse, una relativamente stressante (come una corsa in macchina), seguita da una relativamente normale (il pavimento di una nuova stanza, sopra il letto). In questo modo puoi provare a trasferirli gradualmente da situazioni strane a normali senza lotte. Se provi immediatamente a lasciarli correre sul pavimento insieme, senza prima averli portati a fare un giro in macchina, potrebbero dimenticare che lo spazio è neutro e combattere comunque.
  • Utilizza una bottiglia d’acqua (con l’ugello impostato sullo schizzo sottile) per interrompere eventuali combattimenti se si verificano. È meglio spruzzare l’istigatore prima che si verifichi un combattimento (attenzione al linguaggio aggressivo del corpo) piuttosto che lavorare per interrompere una lotta esistente.

Nessuno di questi suggerimenti funzionerà da solo e nessuno funzionerà immediatamente (di solito). Lavora con i tuoi conigli ogni giorno, per almeno venti minuti o giù di lì al giorno, e quando non lavori con loro, tienili in contatto visivo l’uno con l’altro. Inizia con scenari estremi e passa gradualmente a livelli meno estremi. Fai un estremo e uno meno estremo ogni giorno. Quanto più spesso lavori con loro, tanto più veloce sarà il progresso. Se vuoi muoverti a un ritmo più veloce, allora devi organizzare un periodo di tempo lungo (come una settimana di vacanza) in uno spazio estremamente neutro (come la casa di un amico o di un parente). Se un coniglio è anziano o comunque compromesso, procedi lentamente per ridurre lo stress.