Conigli e bambini

--Conigli e bambini
Conigli e bambini 2018-02-04T12:47:15+00:00

conigli e bambini

di Carolyn Mixon

 

I bambini e i conigli sono compagni naturali – giusto? La risposta potrebbe essere “sì”, “no” o “forse”, a seconda di molti fattori.

  • Stai pensando di portare a casa un coniglio per il tuo bambino?
  • Stai cercando di capire come vivere sia con un coniglio che un bambino da quando hai avuto un bambino?
  • Stai scoprendo che i bambini e il coniglio non interagiscono come ti aspettavi?
  • La tua famiglia era d’accordo sul fatto che il coniglio sarebbe stato “responsabilità dei bambini” e ora non sta succedendo?

Se hai risposto “sì” a una di queste domande, allora devi continuare a leggere!

 

CHE COS’E’ VERAMENTE UN CONIGLIO

Molte persone sono sorprese e deluse nel constatare che i conigli raramente si conformano allo stereotipo tenero e carino delle storie per bambini. I coniglietti (e molti conigli giovani adulti) sono troppo occupati a correre follemente, a infilarsi dietro i mobili e a rosicchiare battiscopa e tappeti per essere tenuti fermi. Inoltre, i conigli sono animali fisicamente delicati, il che significa che possono essere feriti dai bambini che li prendono in braccio. Poiché i conigli si sentono spaventati quando la gente li raccoglie, calciano e lottano il che significa anche che i bambini possono farsi male I conigli sono anche fatti per reagire a cambiamenti improvvisi, il che significa che possono scappare o provare a mordere quando vengono avvicinati troppo velocemente e troppo rumorosamente. Le malattie legate allo stress sono comuni. Per questi motivi, molti bambini, specialmente i bambini piccoli, avranno difficoltà a interagire con un coniglio e quindi a perdono interesse.

Quindi perché rappresentano buoni animali di casa? I conigli:

  • sono tranquilli possono imparare a usare la cassettina in modo quasi perfetto
  • sono divertenti da guardare
  • hanno personalità diverse, così come i cani e gatti
  • non hanno bisogno di un giardino se hanno un sacco di spazio soleggiato per l’esercizio in casa

Inoltre, i conigli sono animali sociali, il che significa che hanno bisogno della compagnia degli umani o di altri animali, sebbene questa necessità possa variare tra i singoli conigli. Giocano, alcuni più di altri. Molti possono andare d’accordo con la maggior parte dei gatti e alcuni cani se correttamente introdotti. A molti piace stare con le persone, ma la tua famiglia deve avere pazienza, comprensione e accettazione delle differenze individuali per guadagnarsi la loro fiducia.

Affinché una famiglia e un coniglio possano conoscersi a vicenda (e per l’interesse del coniglio), il coniglio deve essere un compagno tenuto in casa con il maggior tempo possibile libero con la famiglia. Se relegate il vostro coniglio in una conigliera esterna (o anche in una gabbia in casa per gran parte della giornata), alla vostra famiglia mancherà la conoscenza della personalità speciale del coniglio, e il coniglio soffrirà di trascuratezza e depressione.

Come adulto, devi abituarti a questa idea:

IL CONIGLIO SARÀ UNA TUA RESPONSABILITA’

Se la tua famiglia ha già un coniglio a cui “i bambini dovevano badare” e ci sono problemi con questo, prova a riconciliarti con il fatto che un coniglio è una responsabilità degli adulti. I conigli sono molto sensibili alle modifiche alle loro abitudini alimentari, alla pulizia e all’esercizio fisico. I cambiamenti sono stressanti e possono portare a malattie. I sintomi della malattia sono spesso cambiamenti sottili nell’appetito, nel comportamento e / o nelle feci che anche i bambini maturi possono non notare. È irragionevole aspettarsi che un bambino di qualsiasi età si assuma la responsabilità della cura di un coniglio (o di qualsiasi animale domestico). Il coniglio e i tuoi figli, così come la pace familiare, trarranno grandi benefici da te accettando questa idea.

Se la tua famiglia sta prendendo in considerazione l’idea di adottare un coniglio, decidete tu e gli altri adulti in famiglia di assumervi la responsabilità di un coniglio. Gli adulti vogliono un coniglio come membro della famiglia? Se il coniglio è un membro della famiglia a tutto tondo (vive in casa, sta regolarmente del tempo fuori dalla gabbia) e il gioco con il coniglio è sorvegliato, allora un bambino e un coniglio possono conoscersi e vivere insieme felici. Gli adulti hanno una comprensione della natura di base dei conigli e sanno cosa aspettarsi in termini di tempo, addestramento e costi? O sei disposto a scoprirlo? Sono gli adulti disposti a impegnarsi per 8-10 anni?

A meno che gli adulti della famiglia non siano entusiasti, informati e impegnati sul lavoro in questione, un coniglio giocattolo è una scelta migliore.

 

ALTRI FATTORI DA CONSIDERARE

 Quantità di tempo e pazienza che devi dedicare

Non è necessario essere “super-adulti” per ottenere una convivenza pacifica tra coniglio e bambini. Ma lo vuoi un altro “bambino”? I conigli sono molto simili a un bambino di due anni – possono essere una gioia con cui vivere, ma:

  • Avrai bisogno di trascorrere del tempo nell’addestramento alla cassettina, e avere tolleranza per gli incidenti. La maggior parte dei conigli occasionalmente lascia in giro delle palline di feci. Ci può essere una occasionale chiazza di pipì, di solito fatta per segnare un nuovo territorio.

  • Dovrai rendere a prova di coniglio le parti della casa in cui il coniglio può stare in libertà, in qualche modo come si fa con i bambini.

  • Dovrai controllare spesso il coniglio e supervisionare le interazioni bambino / coniglio quando il coniglio è fuori per fare esercizio. Tre – quattro ore al giorno di libertà fuori dalla gabbia sono il minimo.

  • Alcune delle tue cose potrebbero essere parzialmente rovinate. La quantità di rosicchiamento e scavo che fa il tuo coniglio dipenderà dall’età, dalla personalità, dal fatto che sia sterilizzato, dai giochi che gli fornisci.

  • Il tuo coniglio avrà bisogno di giocattoli, che possono essere acquistati in negozio o fatti in casa.

  • Proprio come i bambini più piccoli, i conigli hanno bisogno di routine per il cibo, il gioco e la pulizia della gabbia. La cosa principale è trovare una routine che vada bene a te. Se la routine è troppo difficile, inizierai a guardare il coniglio come un’altra fonte di confusione.

  • Un coniglio, come un bambino, risponde meglio alle situazioni che sono stabilite in modo da fare le cose giuste e ricevere lodi per aver fatto bene invece della punizione per aver fatto male.

 

La personalità del tuo bambino

Se tuo figlio è generalmente socievole, calmo, gentile e cooperativo, puoi avere la gioia di un coniglio come membro della famiglia. Se il tuo bambino è generalmente chiassoso, molto attivo, tende ad interagire fisicamente / aggressivamente, o spesso ha bisogno di essere richiamato o contesta le regole, potrebbe avere difficoltà a costruire una relazione con un coniglio e potresti trovare che un coniglio è uno stress in più.

 

Numero di bambini e età

Contrariamente al mito di Pasqua, i conigli sono raramente una buona scelta per un bambino piccolo (di età inferiore ai 7 anni). L’esuberanza naturale, le marachelle che combina e il livello di decibel del bambino medio è stressante per la maggior parte dei conigli. I bambini vogliono un compagno che possano tenere e coccolare; i conigli hanno bisogno di qualcuno che capisca che sono creature che amano stare a terra.

Le linee guida riportate di seguito si basano su ciò che i bambini di età diverse sono genuinamente, tenendo presente il tipo di famiglia in cui la maggior parte dei conigli si trova bene. Naturalmente, conigli e bambini variano e potrebbero esserci delle eccezioni a queste linee guida. Il fattore più importante è probabilmente l’atteggiamento e il livello di conoscenza degli adulti (vedere la sezione precedente “Il coniglio sarà la vostra responsabilità”).

 

  1. Un bambino di età inferiore a 7 anni.

Probabilmente non dovresti avere un coniglio a meno che tuo figlio non si adatti alla descrizione “calma” e tu sia un adulto informato che vuole trattare con un ulteriore bambino. Può essere fatto però, se hai il tempo e la pazienza.

 

  1. Uno o più bambini di meno di 7 anni.

Probabilmente non dovresti avere un coniglio. Probabilmente sei molto impegnato con bambini attivi che hanno bisogno di molta attenzione che probabilmente ti lascernno poco tempo per gestire un coniglio.

 

  1. Uno minore e uno maggiore di 7 anni.

Forse. Devi considerare il tuo tempo, la personalità dei bambini e il livello generale di rumore / attività della tua famiglia. Se il tuo bambino più piccolo è sempre vivace e in movimento, potrebbe essere difficile per te e il coniglio vivere felici, anche se il bambino più grande è di tipo “calmo”.

 

  1. Uno o più maggiori di 7 anni.

Forse. Ancora una volta, devi considerare  il tuo tempo, le personalità dei bambini e il livello generale di rumore / attività della tua famiglia. Un sacco di amici che vanno e vengono probabilmente stresseranno il coniglio. I vostri bambini possono anche essere coinvolti in diverse attività (lezioni di musica, sport, ecc.) che possono lasciare poco tempo perche il coniglio e la famiglia si conoscano.

 

  1. Uno più giovane e uno o più di età superiore a 7 anni.

Probabilmente non dovresti avere un coniglio. Considera le informazioni in 3. e 4. qui sopra, ma la tua famiglia è probabilmente troppo occupata e troppo rumorosa per costruire un’amicizia con un coniglio. Prendersi cura e addestrare un coniglio potrebbe essere “solo una cosa in più” che gli adulti devono fare.

 

  1. Due o più di età inferiore o uno o più di età superiore a 7 anni.

Probabilmente non dovresti avere un coniglio. Considera le informazioni in 2.-5. sopra.

 

  1. Un bambino di età superiore a 7 anni.

Se sei entusiasta del fatto di accettare la responsabilità di un coniglio e se il tuo bambino è un tipo calmo o almeno in generale accetta le regole di comportamento, tu e un coniglio probabilmente troverete la gioia di vivere insieme. Se tuo figlio è il tipo rumoroso / attivo / che sfida le regole, un coniglio può solo aumentare il tuo livello di stress.

 

Costi

Come per qualsiasi animale, i conigli richiedono un impegno in termini di alloggio, alimentazione e assistenza veterinaria per tutta la vita. Le maggiori spese iniziali saranno una gabbia e l’intervento di sterilizzazione se questo non è stato fatto prima dell’adozione o dell’acquisto. I conigli devono essere vaccinati e vanno visitati dal veterinario quando stanno male. Avrai bisogno di tenere scorte di lettiera, pellet, verdure fresche e fieno.

 

Spazio

I conigli dovrebbero essere tenuti in casa per la salute, la sicurezza e la socializzazione. Avrai bisogno di una gabbia di almeno 75  x 75 cm o 60 x 90 cm. La gabbia dovrebbe essere lontana da TV, stereo e aree molto rumorose, ma non completamente isolata dalle persone. Considera quale zona è più facilmente da mettere in sicurezza per il tempo fuori dalla gabbia del tuo coniglio.

 

Allergie

Se qualcuno della tua famiglia ha delle allergie, dovresti verificare se è anche allergico ai conigli prima di avere un coniglio, o se qualcuno della famiglia è allergico al fieno. Andare a trovare dei conigli in una casa adottiva o in un centro di accoglienza è il modo migliore per farlo.

 

NUOVO BAMBINO IN CASA?

Se sta per arrivare o è appena arrivato un neonato a casa del tuo coniglio, il tuo coniglio probabilmente riceverà meno attenzione per un po’, ma nessuno di voi deve soffrire. Potresti non avere tempo per un sacco di coccole e di giochi, ma dovresti concentrarti sul mantenere la routine quotidiana del coniglio. Può essere rilassante coccolare un po’ il tuo coniglio quando il bambino dorme. Il coniglio si adatterà! Il tuo coniglio sarà infinitamente più felice con te che se fosse dato via e dovesse adattarsi a una nuova casa. I rifugi e i gruppi di salvataggio traboccanti di cani, gatti e, sì, conigli, rammentano costantemente quanto sia difficile trovare persone disposte a dare a un animale una buona casa per tutta la vita. Molte persone sono inizialmente entusiaste di avere un nuovo animale, ma quando la novità svanisce e la realtà delle cure inizia, molti animali si ritrovano abbandonati per la comodità del proprietario. Ricorda! Quando il bambino cresce, il coniglio avrà ulteriori attenzioni da parte del bambino (e di te) il che può essere una buona cosa se ti impegni a insegnare a tuo figlio a conoscere il coniglio.

 

INSEGNARE I BAMBINI A ESSERE TIPI DA CONIGLIO

Se hai portato un neonato nella casa del tuo coniglio o hai portato un coniglio nella casa di tuo figlio, è bene ricordarsi di:

    • Imparare a conoscere il comportamento e il linguaggio del coniglio in modo da poter capire i sentimenti del coniglio riguardo le azioni del bambino.

    • Scegli un momento della giornata in cui il bambino è in “modalità tranquilla” per insegnare al bambino riguardo il coniglio e giocare con lui.

    • Predisponi tuo figlio e il coniglio per il successo. Cerca di anticipare e prevenire l’interazione inappropriata mostrando spesso al tuo bambino come interagire.

    • Cerca di non prendere l’abitudine di dire sempre “Non …” e “Smetti di…” al tuo bambino riguardo al coniglio. Se tuo figlio fa qualcosa di inappropriato, mostra e dì cosa può fare il bambino con il coniglio. Offri scelte per comportamento e chiedi “Cosa potresti fare …?”. Altrimenti, tuo figlio potrebbe vedere il coniglio come qualcosa per cui è sempre nei guai.

    • Tieni il bambino lontano dal coniglio per un breve periodo di tempo se il bambino rifiuta di interrompere un comportamento che potrebbe far del male al coniglio.

    • Sistema la gabbia in modo che il coniglio possa allontanarsi dai bambini – una “zona sicura”. Usa i cancelli per bambini nelle porte e / o gira la gabbia in modo che la porta sia rivolta verso il muro con spazio sufficiente per il coniglio ma non per il bambino.

    • Metti il ​​coniglio in una stanza chiusa quando ci sono molti compagni di gioco o feste. Spesso è meglio se gli ospiti non sanno che il coniglio esiste.

    • Evita di avere amici dei bambini che vengono a “vedere il nuovo coniglio” per la prima settimana circa.

    • Mostra agli amici dei bambini dove vive il coniglio e come accudire solo quando sono uno o due, quindi assicurati che il coniglio sia sicuro e che i bambini siano sorvegliati durante la visita.

 


Cosa si può fare a diverse età

  • Bambini di 6-12 mesi

Inizia a insegnare l’idea che il coniglio deve essere rispettato e trattato con cura.

REGOLA DI BUNNY n. 1: Carezze delicate.

Siediti sul pavimento con il bambino in grembo mentre accarezzi e parli con il coniglio. Guida la sua mano sulla testa del coniglio, le orecchie e la parte superiore della schiena. Per evitare che afferri la pelliccia, tieni la mano piatta o usa il dorso della mano. Fatelo spesso ma non più di 5 minuti alla volta.

REGOLA DI BUNNY n. 2: Lascia stare il coniglio quando salta via o entra in gabbia.

Interpreta il linguaggio del corpo del coniglio per il bambino (“Oops, non voleva più carezze. Vuole mangiare o fare un pisolino.”). Impedisci la tendenza a inseguire il coniglio che ne ha avuto abbastanza e sbattere / colpire sulla gabbia spiegando: “Inseguirlo gli farà prendere paura di te” o “Colpire la sua casa lo spaventa”. Guarda attentamente il tuo bambino e dai queste spiegazioni prima che sembri che il bambino possa intraprendere tali comportamenti. Spiegando, poi reindirizzando, l’attenzione del bambino funziona meglio a questa età quando il comportamento inappropriato sembra imminente o si verifica.

REGOLA DI BUNNY n. 3: Non toccare feci e lettiera.

Insegna al bambino che la lettiera e le feci che si possono trovare sul pavimento sono “sporcizia”. Potresti non avere problemi a raccogliere gli escrementi secchi con la mano, ma non ti infili le dita in bocca! Potrebbe essere necessario cambiare le tue abitudini per un po’ per insegnare questo concetto. Una gabbia con pavimento grigliato funziona bene.

 

  • Bambini di 1-2 anni

Continua a ripetere o insegnare le REGOLE DI BUNNY 1-3 e aggiungi la n. 4.

Sebbene non intenzionalmente, i bambini di 1-2 anni sono in grado di fare veramente male a un coniglio. Avranno bisogno di una supervisione costante e frequenti richiami gentili ai comportamenti appropriati. A causa della coordinazione muscolare ancora in via di sviluppo, i bambini hanno difficoltà a tenere le dita lontane dagli occhi dei conigli, quindi potrebbe essere necessario insistere a carezzarli con due dita o con il dorso a mano. Sorveglia da vicino le interazioni dei bambini con il coniglio. Questo è lo “stadio del bastone” quando alcuni bambini sono inclini a colpire le cose con bastoni. Inoltre i bambini di questa età hanno difficoltà a non inseguire un coniglio che scappa. Se inseguono il coniglio, il coniglio impara ad aver paura di loro. Insegna il rispetto per il coniglio che termina la sessione di carezze o di gioco (“Beh, questo è tutto ciò che voleva fare”) e interessa il bambino in un’altra attività.

REGOLA DI BUNNY n. 4: Carezziamo, ma non prendiamo il coniglio.

Spiega che il coniglio si spaventa ad essere sollevato da terra e che entrambi potresti farvi male. Spiega che solo mamma o papà possono prendere il coniglio se ha bisogno di cure.

A questo punto, è anche opportuno spiegare il linguaggio e le azioni del coniglio: “Senti i suoi denti che fanno click? Gli piacciono le carezze”. “Lo vedi lanciare la palla? Sta giocando.” Se il bambino viene graffiato, spiegagli cosa ha fatto per spaventare o ferire il coniglio e mostra un modo migliore di agire. Reindirizza i giochi rumorosi in un’altra area (“Guarda il coniglietto, non gli piace il rumore”). I bambini amano condividere i loro snack con il coniglio, quindi assicurati che il coniglio abbia solo piccole quantità di alimenti adeguati e non sia riempito di cereali e cracker. Amano anche aiutare a nutrirlo – raccogliere e versare il cibo, portare verdure e fieno al coniglio.

 

  • Da due a sette anni

Se un bambino di 2 anni è cresciuto con un coniglio, può avere un po’ di empatia e conoscenza del coniglio. Continua o insegna le REGOLE DI BUNNY N. 1-4. Insegna tramite esempio anziché con molti “No”. Il tuo bambino imparerà di più osservandoti. Se interessato, il bambino può aiutare con l’alimentazione e giocare con il coniglio con la tua supervisione.

 

  • Bambini più grandi

Continua o insegna le REGOLE DI BUNNY n. 1-4. Insegna con l’esempio e imposta situazioni che abbiano successo. Il tuo bambino può costruire un’amicizia con il coniglio seduto sul pavimento con lui mentre fa i compiti, disegna, legge o guarda la TV. Il coniglio alla fine verrà per investigare e per essere accarezzato. I bambini più grandi hanno molti altri interessi e l’interesse per il coniglio può andare e venire. La cura del coniglio dovrebbe continuare ad essere la tua responsabilità, ma tuo figlio potrebbe aiutarti a nutrirlo e toelettarlo.

 

SCEGLIERE UN CONIGLIO

Dopo aver esaminato il materiale di cui sopra, hai deciso di portare un coniglio nella tua casa? Se è così, devi passare un po’ di tempo a pensare a quale tipo di coniglio dovresti adottare. I conigli hanno personalità diverse, quindi è difficile fare generalizzazioni sulle razze. In generale, tuttavia, i conigli adulti di taglia medio-grande sono solitamente migliori per un bambino. Impongono il massimo rispetto a un bambino e sono più facili da accarezzare perché hanno teste più grandi. Le razze nane tendono ad essere più eccitabili, energiche e aggressive. I coniglietti sono molto attivi, spesso mordicchiano e rosicchiano tutto quello che vedono. I conigli adulti sono più facili da addestrare alla cassettina, specialmente dopo la sterilizzazione. Avrai anche un’idea migliore della personalità di un coniglio se scegli un adulto già sterilizzato.

Adotta un coniglio da un gruppo di soccorso come la House Rabbit Society o uno dei tuoi rifugi locali. Ci sono molti vantaggi e aiuterai a combattere la sovrappopolazione dei conigli. Molti conigli muoiono abbandonati senza mai raggiungere un rifugio. Darai a uno dei tanti conigli indesiderati una seconda possibilità di una casa amorevole mentre scoraggerai quelli che allevano conigli per profitto.

 

INSEGNARE LA RESPONSABILITÀ: QUALCOSA A CUI PENSARE

Molti genitori dicono di volere un coniglio per il proprio figlio per insegnare al bambino una certa responsabilità. Quello che succede di solito è che il bambino perde interesse (per non parlare dell’incapacità di attenersi a una routine e fornire cure adeguate) e il coniglio soffre. Il bambino, nel migliore dei casi, impara a sentirsi male per aver fallito e causato sofferenza. Nel peggiore dei casi, impara a risentirsi con l’animale per il irritazione che sente nell’adulto. Spesso il coniglio viene dato via perché “non te ne prendi cura”. Il bambino impara che la vita è usa e getta e che se aspetta abbastanza a lungo, qualcun altro lo alleggerirà della sua “responsabilità”. Quindi, lascia che tuo figlio ti aiuti con il coniglio, ma non insistere. Se il bambino sembra interessato, incoraggialo; se si annoia, lascia che passi alla prossima cosa, e vai avanti con il coniglio.
Tuo figlio impara soprattutto guardandoti: le tue azioni, il tuo tono di voce quando parli al coniglio e il tuo atteggiamento. Da ciò apprende il punto di vista (responsabile) del fornire  cure – la paziente attesa, le premure costanti, il lieto apprezzamento e l’accettazione di una creatura vivente per quello che è, non quello che tu desideri che sia.