Comportamenti relativi all’età

--Comportamenti relativi all’età
Comportamenti relativi all’età 2018-02-22T23:17:53+00:00

comportamento

Le persone esperte di conigli sanno che è solo una fase passeggera, ma se questo è il tuo primo coniglietto e l’hai portato a casa pochi mesi fa, stai assistendo a una serie di transizioni e di cambiamenti di personalità. Il tuo coniglietto è ora un adolescente. Hai imparato che stai vivendo con una creatura intelligente, che è curiosa del mondo e lo indaga con i  denti e le unghie. Questo è il periodo in cui molti degli acquisti impulsivi finiscono nei rifugi per animali. Ma questo non accadrà al tuo coniglio, perché sei disposto ad imparare come affrontare l’adolescenza dei conigli. Un precedente articolo del giornale, “Giovani ribelli” (Vol. II, n. 9), ti guiderà in questo difficile periodo. L’adolescenza è una delle varie fasi che vedrai nel tuo coniglio. Anche altre fasi includono cambiamenti di comportamento. Alcuni cambiamenti sono ovviamente legati all’età. Altri sono più oscuri.

 

Rimproveri male indirizzati

Lo stadio di intensa curiosità, iperattività e di rosicchiare e scavare freneticamente si verifica al culmine dell’adolescenza. Questo è anche il momento in cui raccomandiamo la sterilizzazione. Le persone spesso si aspettano una cura istantanea per ciò che considerano problemi comportamentali. Ma cosa stiamo cercando di “curare”, un comportamento ormonale o un comportamento correlato all’età? Il primo sarà eliminato dalla sterilizzazione, ma quest’ultimo dovrà comunque fare il suo corso. A volte la chirurgia stessa è accusata di un comportamento che non ha nulla a che fare con l’intervento chirurgico, ma inizia nello stesso periodo. “Non rosicchiava e scavava prima dell’intervento, ma ora lo fa.”

Una possibile ragione è che il coniglio è stato sterilizzato prima che raggiungesse l’adolescenza. Ora che sta vivendo impulsi adolescenziali, può sembrare che nulla (di comportamentale) sia stato ottenuto. Dico alla gente di non aspettarsi cambiamenti drammatici o improvvisi e che possono trascorrere fino a otto mesi prima che un coniglio recalcitrante si calmi. Sto dicendo che ci vuole così tanto tempo perché i livelli di ormoni si abbassino in alcuni conigli, ma ciò consente anche un po’ di tempo per la maturità.

Una persona che aveva adottato un coniglio aveva chiesto se la sterilizzazione potesse essere la causa di un aumento della produzione di ciecotrofo. Mi aveva detto che non aveva il problema prima dell’intervento. L’intervento appena eseguito era coinciso con il fatto di vivere in una nuova casa e avere una dieta più ricca.

Sappiamo per certo che alcuni comportamenti dei conigli sono legati allo sviluppo e non sono  indotti dagli ormoni. In alcuni rifugi dove gli animali vengono sterilizzati regolarmente, i conigli vengono sterilizzati in tenera età. Questi coniglietti crescono in modo normale ed esprimono la loro adolescenza nel momento cronologicamente corretto. Il loro stadio adolescenziale può essere un po’ meno intenso rispetto agli animali intatti. Ma non dovremmo aspettarci e non dovremmo volere che i nostri conigli perdano completamente i loro naturali impulsi a rosicchiare, scavare, esplorare e rivendicare territori. È nostra responsabilità umana fornire sbocchi per queste esigenze.

 

Due livelli di sicurezza

Alcuni conigli dei nostri primi salvataggi non sono mai stati adottati e hanno continuato a vivere con noi. Appena si sono ambientati, sono diventati molto facili da gestire. Pensavo che ciò fosse dovuto alle mie impeccabili tecniche di rendere la casa a prova del coniglio. Per un po’ ho dimenticato com’era avere un coniglio adolescente in casa, poi è arrivato Ruby. Pensavo che i nostri cavi telefonici fossero nascosti abbastanza bene. Avevo dimenticato che una sedia da computer va spinta completamente sotto la scrivania quando non è occupata. Altrimenti può essere usata come trampolino da un esploratore baffuto per accedere al desktop. L’espressione dell’adolescenza ha fatto pagare le conseguenze a due dei nostri cavi telefonici e un cavo modem in un solo giorno. Abbiamo poi perso il mouse, i cavi della stampante, i cavi S-video e BNC (e ho dato lezioni sulla messa in sicurezza della casa!).

Mentre riflettevo sui miei errori nella messa in sicurezza, mi sono resa conto che quello che era appropriato per Bandit, il nostro coniglio dell’ufficio, non era adeguato ora per Ruby-Jewel, la sua sposa adolescente. Forse dovremmo riclassificare la messa in sicurezza in diversi livelli di sicurezza, a seconda dell’età dei conigli, ma quando sono coinvolte età miste, bisogna usare la massima sicurezza.

 

Il comportamento maturo

Abbiamo osservato come con il passare degli anni i nostri conigli sono diventati più dolci. Il comportamento di un coniglio maturo cambia in diversi modi. I conigli maturi si muovono un po’ più lentamente, ma sono ancora disponibili e in grado di imparare nuove routine. Le abitudini alla cassettina sono ancora presenti, ma alcuni conigli più anziani hanno difficoltà a entrare nella cassetta (si consiglia di tagliarne un lato). Dormono molto di più ma si svegliano desiderosi dei loro premietti.

Non ci preoccupiamo molto che i nostri conigli anziani distruggano le cose. Lavoriamo per incoraggiarli a rosicchiare. Li teniamo riforniti di giocattoli ed esercizio, e ci rallegriamo del fatto che alcuni passano il loro decimo anno.

Poche persone vogliono adottare conigli anziani, probabilmente per paura di perderli troppo presto. Una considerazione nell’adottare un coniglio anziano sano è che, mentre potresti non essere in grado di trascorrere un lungo periodo di tempo con lui, può essere un buon periodo privo di problemi.

comportamento

Coppie di diverse età

Il fatto che conigli giovani e meno giovani abbiano un comportamento molto diverso può causare una certa riluttanza da parte degli adottanti a mescolare le età. Uno studio condotto presso l’Università di California nel 1991 suggeriva che c’erano meno combattimenti tra i conigli della stessa età.

Nelle nostre case affidatarie non abbiamo trovato che sia necessariamente così, anche se i comportamenti differiscono con l’età. Una volta che hanno formato un legame, i conigli tollerano una vasta gamma di comportamenti l’uno dell’altro. Bandit e Jewel, menzionati prima, ci incontrano entrambi alla porta. Lei salta; lui arranca. Il suo affetto di Jewel per lui è dimostrato dal comportamento. Lei balla, spinge, si strofina e infila la testa sotto il mento di lui per essere leccata. L’affetto di Bandit per lei è dimostrato in modo rilassato, nel pulirle le orecchie, poi allungandosi al suo fianco con le gambe posteriori estese.

Jefty ha perso il suo compagno l’anno scorso. Nel suo dolore, ha cominciato a deperire e a perdere il pelo in grandi ciuffi (squilibrio metabolico, lo ha chiamato il nostro veterinario). Ha perso la coordinazione e non riusciva a fare il piccolo salto per entrare nella sua gabbia durante la notte. Il tonico per questo signore di mezza età di 6 anni si è rivelato essere la matrona undicenne Sieglinda, che aveva perso anche lei il suo compagno l’anno scorso.

Solo una persona con l’esperienza, la saggezza, la fiducia e la gentilezza di Sieglinda poteva ripristinare la volontà di Jefty di sopravvivere. Lui ha riacquistato il suo peso, il suo mantello e la sua coordinazione. Quando Sieglinda era più giovane, era più distaccata e non avrebbe offerto a Jefty quello che fa oggi. In questo momento, i loro bisogni sono perfettamente abbinati.

 

Attraverso le età

Nei nostri conigli compagni possiamo aspettarci molti cambiamenti comportamentali nel corso della vita. La maggior parte di questi sono riguardano lo sviluppo determinato dai normali cicli di invecchiamento. Monitoriamo il comportamento non tanto per modificarlo, ma per fornire sbocchi per i bisogni psicologici dei nostri conigli e per allertarci di cambiamenti di comportamento anormali che possono indicare una malattia. Il nostro compito è di mantenerli al sicuro durante l’età in cui amano investigare intensamente e di prestare attenzione a loro durante l’età in cui richiedono minore attenzione.

 

Marinell Harriman

House Rabbit Journal Volume III, numero 3, estate / autunno 1994