Come vedono i conigli?

--Come vedono i conigli?
Come vedono i conigli? 2018-02-16T19:44:25+00:00

come vedono i conigli

Molti “genitori” di conigli di casa sono curiosi di sapere come appare il mondo al loro compagno lagomorfo. Perché sembra difficile per il mio coniglio trovare cibo proprio davanti alla sua faccia? Perché il mio coniglio si spaventa così facilmente se entro nella stanza con in mano una scatola o un sacchetto della spesa? Il mio coniglio può vedere i colori?

La prima cosa da ricordare è che il sistema visivo di un coniglio si è evoluto sotto pressioni evolutive completamente diverse da quelle che hanno “progettato” i tuoi occhi. Noi primati umani, come i nostri cugini scimmieschi, abbiamo occhi in avanti che conferiscono visione binoculare e percezione della profondità. Questo è essenziale per un animale originariamente progettato per saltare tra gli alberi. Inoltre, abbiamo un’eccellente visione dei colori, un tratto che ha aiutato i nostri antenati a trovare frutta matura e fiori saporiti nella volta della foresta.

D’altra parte, il sistema visivo del coniglio è progettato non per il foraggiamento e la locomozione, ma per rilevare in modo rapido ed efficace i predatori in avvicinamento da quasi tutte le direzioni. Gli occhi sono posizionati in alto e ai lati del cranio, permettendo al coniglio di vedere quasi a 360 gradi, oltre che molto al di sopra della sua testa. I conigli tendono a vedere lontano, il che spiega il motivo per cui possono essere spaventati da un aereo che vola sopra la testa anche se il loro compagno umano riesce a malapena a vederlo. (Potrebbe essere un falco! Corri!)

Il prezzo che il coniglio paga per questo straordinario campo visivo è un piccolo punto cieco direttamente davanti al suo viso, ma le narici poste in avanti e le grandi orecchie a cucchiaio compensano quella minore perdita di rilevamento dei predatori. Affinché un animale abbia una visione binoculare, il campo visivo di entrambi gli occhi deve sovrapporsi in una certa misura. Il punto cieco centrale nel campo visivo del coniglio preclude una vista tridimensionale degli oggetti vicini. Quando il tuo coniglio gira la testa e sembra guardarti “di sbieco”, in realtà ti sta guardando dritto come è possibile per un coniglio. Per quanto ne sappiamo, così da vicino lui non ha il livello di percezione della profondità di un primate .

E la visione dei colori? In generale, i vertebrati hanno due diversi tipi di fotorecettori nella retina: coni e bastoncelli. I coni conferiscono alta risoluzione e, se è presente più di un tipo di cono, conferiscono anche la capacità di percepire le varie lunghezze d’onda della luce come colori distinti. Ad esempio, noi umani abbiamo tre diverse categorie di coni, la cui sensibilità è massima nelle regioni rossa, blu e verde dello spettro. Le diverse sensibilità di ciascun tipo di cono ci consentono di percepire le diverse lunghezze d’onda (visibili) della luce, come i colori dell’arcobaleno.

Studi comportamentali pubblicati all’inizio degli anni ’70 indicano che i conigli hanno una limitata capacità di discriminare tra alcune lunghezze d’onda della luce e di percepirle come colori diversi. Possono discriminare tra le lunghezze d’onda che chiamiamo “verde” e “blu”. Sebbene i conigli non possano percepire il verde e il blu nel modo in cui lo facciamo noi, possono distinguerli. Ciò significa che hanno una visione a colori limitata, probabilmente conferita da due diverse categorie di coni (blu e verde).

Gli altri tipi di fotorecettori, i bastoncelli, conferiscono un’alta sensibilità visiva in situazioni di scarsa illuminazione, ma una risoluzione relativamente scarsa (cioè un’immagine “granulosa”). La retina del coniglio ha un rapporto molto più elevato di bastoncelli per coni rispetto alla retina umana. Anche se un coniglio può vedere meglio di un essere umano in condizioni di scarsa illuminazione, la sua immagine in condizioni di luce bassa ha una risoluzione molto più scarsa (chiarezza) rispetto alle immagini diurne formate dalla retina dei primati, ricca di coni.

Ora potresti chiederti: “Il mio coniglio può vedermi chiaramente, o sono solo un grande ammasso sfocato?” Mentre leggi questa pagina, ti stai concentrando sulle lettere con una parte molto piccola della retina chiamata fovea. Questa è una minuscola depressione a forma di cono nella retina, rivestita da parete a parete con cellule a cono ad alta risoluzione.

Anche i conigli hanno piccole aree retiniche con più coni che bastoncelli. Tuttavia, questa area centralis non è infossata e ha una densità di coni molto più bassa di quella della nostra fovea. L’immagine formata dalla zona centrale è relativamente “granulosa” rispetto a quella formata dalla fovea, ma serve bene il coniglio. Usando come segnali questa immagine, la tua voce, i movimenti del corpo e l’odore, il tuo coniglio può riconoscerti (il suo essere umano preferito), purché non porti una scatola spaventosa che cambi completamente la tua forma familiare!

Conoscere un po’ di più come un’altra creatura vede il mondo ci consente di avvicinarci di un passo alla comprensione del suo comportamento e di modificare il nostro per rendere la vita più felice per tutti. Ricordatelo la prossima volta che il tuo coniglio ti guarda con quegli occhi profondi e antichi.

di Dana M. Krempels, Ph.D.