9 comuni miti sul coniglio

--9 comuni miti sul coniglio
9 comuni miti sul coniglio 2017-11-24T19:36:25+00:00

Mito n. 1: i conigli sono ottimi animali da compagnia perché sono poco impegnativi e sono adatti anche alle persone inesperte.

9mitiRealtà: anche se non devono essere portati a passeggio come i cani, i conigli non sono affatto animali poco impegnativi. La loro gabbia deve essere pulita quotidianamente e occorre fornire loro cibo fresco e acqua tutti i giorni, compresa una varietà di verdure a foglia ben lavate. Alcuni problemi di salute del coniglio possono diventare cronici e richiedere trattamenti veterinari regolari (e talvolta costosi). A complicare le cose, i veterinari esperti in medicina del coniglio sono spesso difficili da reperire.

Mito n. 2: i conigli vivono solo paio di anni, per cui non hanno bisogno di un impegno a lungo termine.

Realtà: i conigli che vivono in casa se ben accuditi possono vivere 7-10 anni, e talvolta più a lungo. E’ la stessa durata di vita di alcune razze di cani, e richiede lo stesso impegno a lungo termine.

Mito n. 3: i conigli non hanno bisogno di cure veterinarie come i cani e i gatti.

Realtà: i conigli hanno bisogno di vaccinazioni regolari; inoltre, i controlli veterinari regolari aiutano a rilevare i piccoli problemi prima che diventino gravi. I conigli da compagnia devono essere sterilizzati da veterinari esperti. Ciò non solo riduce i comportamenti causati dagli ormoni sessuali come aggredire, montare e spruzzare urina, ma protegge inoltre le femmine dal rischio di tumori dell’utero, la cui incidenza può superare il 50% nelle coniglie anziane.

9miti3Mito n. 4: i conigli sono più felici in una gabbia all’esterno.

Realtà: i conigli tenuti all’esterno nelle conigliere spesso sono dimenticati e trascurati una volta passata la novità. Troppo spesso sono relegati ad una vita di confinamento in solitudine sono soggetti alle inclemenze del tempo, come a malattie trasmesse da pulci, zecche, mosche e zanzare, che possono influenzare negativamente la loro salute e la durata della vita. Possono morire per arresto cardiaco per la sola vicinanza di un predatore – anche se non sono direttamente aggrediti o morsi. I conigli sono creature gregarie che amano il contatto sociale con gli umani che si prendono cura di loro. Il modo più facile di fornire stimolazioni sociali ad un coniglio da compagnia è di alloggiarlo in casa, come membro della famiglia.

Mito n. 5: i conigli sono animali sporchi e hanno un forte odore.

Realtà: i conigli sono pulitissimi, e dopo essere stati sterilizzati hanno molta cura di non sporcare l’ambiente in cui vivono. Usano volentieri la cassetta dei bisogni, e se questa viene pulita e cambiata quotidianamente, non ci sono odori sgradevoli.

Mito n. 6: i conigli amano essere sollevati e coccolati, e non graffiano o mordono.

Realtà: anche se alcuni conigli tollerano molto bene di essere maneggiati, molti non amano essere sollevati e portati in braccio. Se un conigli viene maneggiato in modo inappropriato impara a mordere per proteggersi. Se si sente insicuro quando viene tenuto in braccio può graffiare per essere messo in terra. I conigli non sterilizzati, sia maschi che femmine, spesso esibiscono un comportamento territoriale di aggressione e morsicatura quando il loro territorio è “invaso” dal proprietario.

Mito n. 7: i conigli, specialmente le razze nane, non hanno bisogno di molto spazio.

Realtà: i conigli hanno zampe posteriori muscolose create per la corsa ed il salto. Hanno bisogno di uno spazio vitale che permetta loro ampia libertà di movimento anche quando sono confinati. I conigli nani tendono ad essere più attivi ed energici di alcune razze più grandi, e richiedono uno spazio relativamente più ampio.

Mito n. 8: i conigli possono esser lasciati soli per un giorno o due quando i proprietari sono via.

Realtà: i conigli richiedono controlli quotidiani. Problemi che sono relativamente piccoli in alcune specie (ad esempio un paio di giorni di anoressia) possono essere letali nel coniglio e possono richiedere immediate cure veterinarie.

Mito n. 9: i conigli vivono bene con una ciotola di mangime per conigli e qualche carota al giorno.

Realtà: il singolo componente più importante della dieta del coniglio è il fieno, che deve essere somministrato a volontà tutti i giorni. Il pellet per conigli deve essere somministrato solo in quantità molto limitata.

9miti2

© Mary E. Cotter, 2002. WWW.RABBIT.ORG

Pubblicato originariamente su http://www.rabbit.org/adopt-a-rabbit-month/MythFlyer2003.pdf

E’ stato tradotto e pubblicato su questo sito con l’autorizzazione della HRS.

Tradotto da Marta Avanzi
La HRS non è responsabile dell’accuratezza della traduzione
The HRS is not responsible for accuracy of the translation

File in pdf 9miti coniglio